lunedì 3 dicembre 2012

Difenderci dai media


Ormai la visione di certi Tg con il quel tono di voce incalzante da bollettino di guerra e quella sfilza di brutte notizie, produce in noi uno stato di allerta cronico o una "sindrome ansiosa di brutte notizie". come viene chiamata dai psicologi che ora stanno studiando gli effetti dei media su di noi. Ci dicono di evitare o ridurre gli effetti indesiderati dei media, essendo sopratutto consapevoli di ciò che articoli, radio, Tv e siti web rappresentano, alcuni sono cibi per la mente, altri sono indigesti e tossici. Come fare?
Sempre interrogarsi: perche' mi hanno fatto vedere quelle immagini che non dovrebbero essere trasmesse? Ma le guardo come ipnotizzato? Chi lo decide..? E' vero che oggi i media "vendono emozioni", e queste sono in grado di passare facilmente i nostri filtri cognitivi, come l'aria passa dall'inferriata. Abbiamo bisogno di combattere la monotonia e l'entropia  che aumenta e minaccia la nostra esistenza. Quindi teniamo presente che siamo noi che andiamo a cercare ciò che ci attira, emozioni meglio se forti filtrate da uno schermo asettico che ce le fa sembrare contemporaneamente vere e distanti. Se proprio lo vogliamo c'è sempre il telecomando.
RICORDIAMO CHE SIAMO CIRCONDATI NOSTRO MALGRADO, DA COMUNICAZIONE MA LA COMUNICAZIONE PREVEDE SEMPRE ALMENO DUE ATTORI. UNO SIAMO NOI.

Fonte: Rivista Psychologies
Patriza Adamoli
Personal life coach a Milano
Già docente di tecnologie comunicatice e media
education all'Università di Macerata

7 commenti:

  1. E' vero. Per catturare l'ascoltatore parlono solo del brutto che accade nel mondo.
    Del resto si sa che se un cane morde un uomo non è una notizia, lo diventa se è l'uomo a mordere un cane.
    Ciao Saray.

    RispondiElimina
  2. Giusto, a volte mi cadono le braccia.

    RispondiElimina
  3. Cara Saray, hai fatto centro! Ho vissuto proprio sulla mia pelle che la... soffrenza altrui conforta molto quelli che stanno decisamente meglio di me!!
    Buona notte!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero non sia così Sara..Ciao :)

      Elimina
  4. Ciao Saray,
    il tono dei cronisti aumenta il patos delle notizie, che già sono spesso disastrose. Anche noi spesso siamo irritati, in casa, da questa tendenza del nuovo giornalismo: toni esasperati e notizie a raffica, enfatizzate in negativo.
    L'audience va avanti al rispetto e spesso anche all'oggettività:il buon giornalismo non ha bisogno di queste strategie.Ciaociao:)

    RispondiElimina
  5. Il buon giornalismo infatti non avrebbe bisogno di queste strategie..ma ormai cos'è il buon giornalismo? Ciao cara Fata :)

    RispondiElimina
  6. io evito io tg e i dibattiti talk show con brutte notizie, mi deprimono troppo....ciao Saray .

    RispondiElimina

░░♥Cari amici vi ringrazio per i commenti ♥░░
♥ __ Senza di voi il mio Blog non esisterebbe__♥
»✿__♥__✿«•*•»✿___♥___✿«•*•»✿__♥__✿«