mercoledì 11 dicembre 2013

L'altalena dei ricordi

L'ALTALENA


L'altalena è stato il più  bel gioco della mia infanzia.
Per divertirci da piccoli avevamo bisogno di una spinta per volare. Di solito erano papà o mamma a farlo oppure amici più grandicelli. Quando poi riuscivamo a farcela da soli quella spinta diventava una specie di passaggio dall'infanzia all'età più grande. Ricordo bene quando imparai a darmi la prima spinta da sola, fu una soddisfazione bellissima che non dimenticherò mai. Spesso chiudevo gli occhi per sentire quella magica sensazione di poter volare.
Andare in altalena sempre più in alto diventava poi anche una gara con gli amici. 
L'altalena che avevo da piccola l'aveva fatta mio padre con una tavola di legno e una grossa corda, era molto simile a quella dell'immagine sottostante. La portavamo sempre con noi quando alla domenica andavamo con altre famiglie nel vicino bosco a fare merenda sul prato. 
Veniva saldamente legata al ramo più adatto dal mio papà. Poi, noi bambini, si litigava per i turni. Saliti sull'altalena nessuno voleva più scendere.



Piccole curiosità - Il significato dei sogni
SOGNARE DI ANDARE IN ALTALENA

Sognare di spingere un'altalena rivela incertezze sul futuro, se si è spinti da qualcuno invece il sognatore fatica ad ammettere i propri errori. Cadere dall'altalena presagisce sentimenti positivi nei vostri confronti e buone notizie in campo amoroso. Vedere un'altalena rimanda a un matrimonio felice, se l’altalena è vuota però indica indecisioni. Se sognate di andare in altalena la vostra intraprendenza potrebbe essere ostacolata.



CURIOSITA' DAL MONDO
L'ALTALENA PIU' PERICOLOSA DEL MONDO

L’altalena non è un gioco per bambini. Almeno, se parliamo della “Altalena alla Fine del Mondo”, come è soprannominata quella di Baños, in Ecuador. L’altalena si trova presso la Casa del Árbol (la casa sull’albero), che come suggerisce il nome è una piccola casa realizzata su un albero, che contiene una stazione di monitoraggio sismico, posizionata sull’orlo di un burrone


All’albero è attaccata anche un’altalena, che permette di dondolare oltre l’orlo del precipizio, senza nessun tipo di protezione (non ci sono cinture di sicurezza o altri sistemi per evitare cadute).
Nonostante il pericolo (una caduta sarebbe quasi sicuramente fatale) sono molti i turisti che sfidano la morte in cambio di un’esperienza che deve essere sicuramente adrenalinica.


Fonte: Qui



16 commenti:

  1. Io ci andrei, sono abbastanza sicuro di me, ma ho paura per il ramo: se si spezzasse?? XD

    Moz-

    RispondiElimina
  2. In Ecuador non ci andrei di sicuro in altalena, ma tornerei alla villa Revoltella a vedere le altalene della mia infanzia... quando si aspettava il turno la domenica, che era sempre pieno...;) ciao Saray

    RispondiElimina
  3. ...che bello! L'altalena, un gioco semplice ma tanto caro a tutti...
    Le curiosità sui sogni sono interessanti, e l'altalena sul burrone...beh non sono così coraggiosa, non ci andrei mai.

    Bel post, un sorriso, a presto...

    RispondiElimina
  4. Cara Saray, è bello vivere di ricordi, questa dell'altalena è veramente un racconto molto bello, che posta molto spessa a ricordare quei dolci momenti passati della fanciullezza.
    Creare una piccola altalena è molto facile ed è molto economico, i bambini si divertono tanto,
    l'attenzione che bisogna avere che la corda sia bene fissata e abbastanza robusta.
    Ciao e buona giornata cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
  5. Adoro andare in altalena... quando spingo le bimbe sull'altalena di casa un giretto me lo faccio sempre anch'io... Da qualche parte ho letto che per i bambini c'è un motivo profondo legato all'accrescimento del cervello in questa passione per il dondolio e le rotazioni... cercherò il libro in cui l'avevo letto. Ciao!

    RispondiElimina
  6. Bellissimo il tuo ricordo dell'altalena, di tuo papà, delle merende nel bosco con altre famiglie.. davvero "caldo", davvero accogliente, davvero intimo :) Hai un'ottima dote di sintesi, ma trasmetti comunque bene, benissimo, diversamente da me ^^
    L'altalena in Ecuador... aaaaaaa! ^^ cioè non ho enorme paura del vuoto, però... non ce salirei mai penso :D

    RispondiElimina
  7. Cara Saray, questo post mi ha portato indietro nel tempo.
    L'altalena era e sarà sempre quel gioco che dà emozioni.
    In estate ,nella mia villetta di campagna monto l'altalena per i miei nipoti,
    ed io la sera quando tutto tace qualche giretto lo faccio e mi sento libera.

    Interessante curiosità sui sogni.
    Per l'altra altalena non ho bisogno di adrenalina, mi basta quella che ho.
    Buona giornata
    Rakel

    RispondiElimina
  8. Ci hai regalato ricordi dolcissimi. Che meraviglia volare sognando sull'altalena di Banos ma anch'io ho subito pensato al ramo.....
    bacione e buona giornata

    RispondiElimina
  9. C'era un campo giochi dalle parti di via del teatro rom ano avevo 4 anni....una quadrato con la sabbia recintato da un muretto basso e subito più in là l'altalena. Ci vado sopra arriva un ragazzino mi da una spinta io ancora non mi tenevo e sono volta diritta sul muretto di recensione sabbia... ricordo di essermi spaccata le labbra ma per fortuna null'altro e esperienza altanena...finita. Buona serata

    RispondiElimina
  10. L'altalena...che cosa meravigliosa! Io l'ho sempre adorata, anche ora che sono grande mi piace tanto.
    In uno dei miei racconti pubblicati (il primo, per la precisione) pensa che c'è un capitoletto in cui l'oggetto del ricordo della protagonista è proprio un'altalena :-)
    E il tuo personale ricordo legato all'altalena mi ha fatto emozionare, grazie per averlo condiviso Saray!

    Ma quell'altalena in Ecuador è pazzesca....nooooo, che paura!!!

    RispondiElimina
  11. io purtroppo non l'ho mai amata...non mi piaceva
    sigh

    RispondiElimina
  12. Bella l'altalena. Ricordi piacevoli di un'infanzia indelebile.
    Un sorriso per un sereno fine settimana.
    ^___^

    RispondiElimina
  13. Chiudere gli occhi e sognare di toccare il Cielo....Sensazione stupenda! Non è passato tanto tempo da quell'estate trascorsa nella villa di mia sorella vicino al lago d'Orta. Avevo inventato l'ora del silenzio. Dalle sei alle sette.(di pomeriggio!) Ognuno faceva quello che preferiva:in silenzio. I bimbi leggevano, facevano i compiti delle vacanze, si dondolavano sulle amache. Paolo curava un piccolo orto. Io l'altalena. Momenti preziosi. Come è preziosa la pace e la serenità. Baci

    RispondiElimina
  14. Anch'io da bimbo passavo ore ed ore sull'altalena in preda ad i sogni più belli.
    Anche ora talvolta lo faccio ritornando bambino.
    Auguri di Buon Natale e felice Anno nuovo
    Giorgio

    RispondiElimina
  15. ciao
    bella l'altalena. Mi è sempre piaciuta. Andavo al parchetto dell'oratorio e passavo anche una giornata sull'altalena, mi divertivo troppo. Però mai troppo in alto.......sono un po' una fifona :-)
    L'altalena sul burrone non fa per me.

    RispondiElimina
  16. L'altalena sul burrone sarà pure adrenalinica, ma preferisco decisamente quella del tuo babbo... :)......Un bacione.
    Gabriella

    RispondiElimina

░░♥Cari amici vi ringrazio per i commenti ♥░░
♥ __ Senza di voi il mio Blog non esisterebbe__♥
»✿__♥__✿«•*•»✿___♥___✿«•*•»✿__♥__✿«